Mrdjan Bajic. Facciamo finta di niente

Sto caricando la mappa ....

Periodo
dal 5 ott 2018 al 30 nov 2018

Consulta i Dettagli evento
per orari e giorni di chiusura.

Luogo
Gaba.Mc - Galleria dell'Accademia di Belle Arti di Macerata
Piazza Vittorio Veneto 7 (MC)
Macerata

Categoria evento

Ads
bannerhome

Dettagli evento

L’AccademiadiBelleArtidiMacerata, in collaborazione con la Galleria Paola Verrengia, èlietadiannunciareFacciamo finta di niente, una importante personale di Mrdjan BajicchesiterràneglispazidellaGABA.MCGalleriadell’Accademiadi Belle Arti di Macerata, inPiazzaVittorioVeneto7.

Segnato da un atmosfera che trasforma esteticamente i documenti in monumenti, in totalizzatori di conoscenza capaci di contenere al loro interno ogni minima traccia lasciata dagli uomini, il lavoro di Mrdjan Bajić (Blgrado, 1957) si presenta come un contenitore che invita a riflettere e a riaccendere la coscienza collettiva, come un terreno che assorbe la memoria e la storia, ma con il desiderio di offrire non tanto moralismi, quanto piuttosto preziose albe di una verità che «di fatto è fragile ma irreversibile, ostinata, resistente agli urti» della falsità.

Definiti da Lidija Merenik skulptotektura, i modelli linguistici plasmati da Bajicmacinano il senso comune e senza pudore lanciano sulla piattaforma dell’arte dispositivi altamente ironici, capaci di scuotere il sistema nervoso della società.

L’utilizzo sistematico di didascalie rappresenta per l’artista un collante indispensabile a creare un rapporto tra coscienza e conoscenza.La classe ouvriére va au Paradise (2012), I Like America and America Likes Me (2014), Tatlin (2016), l’imponente Globus – Velika Skulptura (2017-2018) o Germania (2017-2018) sono infatti titoli tra cui è possibile trovare alcune citazioni che richiamano alla memoria nomi dell’arte contemporanea come Beuys e Tatlin, o anche momenti ciclici – è il caso di Facciamo finta di niente (2014, 2016, 2017) che dà il titolo a questa mostra – pronti a creare uno spostamento sensoriale, una oscillazione elegante dal ludico al tragico.

Con inclinazioni surreali e a tratti metafisiche che non si abbandonano mai al sorriso amaro ma si sviluppano mediante una ars combinatoria alla cui base è la volontà di sviluppare un flusso inarrestabile, una potenziale Gesamstkunstwerk legata al simbolico, Bajic propone oggi progetti dove il ricorso a tecniche quali il collage e l’assemblage si fa sempre più urgente, sempre più legato a una volontà di ricucire alcuni strappi storici e contestualmente di creare condensazioni visive, sapienziali spostamenti oggettuali, spiazzamenti che invitano al gioco delle parti, a entrare in una illusione che illude per distrugge l’illusione stessa.


Condividi subito l'evento Mrdjan Bajic. Facciamo finta di niente su: